06/86328789 e 06/8610619

Via Tripolitania 151, 00199 – Roma

Seguici su

Top
Associazione Dhyana ONLUS / Articoli Alimentazione  / Articoli Cucina Evolutiva  / La Cucina Evolutiva: L’Evoluzione attraverso il ritorno all’Essenza
Articolo Cucina Evolutiva Il Ritorno all'Essenza

La Cucina Evolutiva: L’Evoluzione attraverso il ritorno all’Essenza

Cos’è la Cucina Evolutiva

La Cucina Evolutiva vuole essere uno strumento che sostiene l’evoluzione dell’uomo.
Diventando consapevoli del fatto che non siamo solo un corpo fisico, ma siamo fatti anche di emozioni, mente e Spirito, iniziamo a chiederci come la cucina possa colorarsi di varie sfumature e possa diventare un mezzo per nutrirci a vari livelli. Se cuciniamo facendo il sincero tentativo di tenere questa consapevolezza nel nostro Cuore e nelle nostre mani, stiamo facendo una Cucina Evolutiva.

Qual è la funzione del cuoco nella Cucina Evolutiva?

Questa è la domanda che ho iniziato a pormi man mano che acquistavo consapevolezza, e più vado avanti nel mio percorso più cresce la spinta a condividere ciò che sto imparando.
Innanzitutto in questo articolo voglio parlare di cuoco e non di chef; nella parola cuoco si nascondono i primi due ingredienti del mio lavoro: Cuore e Fuoco.
Nella Cucina Evolutiva il cuoco svolge la sua funzione di nutrire gli altri facendosi canale per immettere Valori e nuove consapevolezze attraverso il cibo che prepara.
Le mani trasmettono energia e la materia prima con cui noi cuochi lavoriamo (essendo viva se si parla di cucina vegetariana) assorbe energia. Va da sé che trasmettiamo attraverso il cibo ciò che siamo nel momento in cui lo stiamo preparando.
Un cuoco che ha la consapevolezza di queste sfumature deve avvicinarsi alla cucina in un modo diverso, dove l’essere cuoco non è più solo necessità di espressione della propria creatività e la ricerca di un riconoscimento, ma diventa il portare con coraggio i Valori che si possono esprimere attraverso la cucina, facendosi canale e strumento.
Il cuoco è colui che cucina per nutrire altre persone, perciò se conosce quali possono essere le conseguenze dell’energia negativa trasmessa attraverso il cibo, o anche di un modo di parlare poco armonico e aggressivo, deve diventare ancor più responsabile, perché la cucina non è più un lavoro fatto per se stesso, ma diventa un servizio verso l’Altro e verso l’Alto.
Questo percorso non è semplice, ma di grande impegno e messa in discussione, il cambiamento come sempre parte dall’interno e l’aspirazione è quella di poter esprimere una cucina armonica.
Naturalmente la ricerca dell’armonia deve essere prima interna, perciò la prima regola che un cuoco deve tenere sempre a mente è quella della coerenza.

Articolo Cucina Evolutiva Fuoco

Sette punti da seguire per una Cucina Evolutiva

Vorrei adesso parlare di sette punti che ho individuato e che possono accompagnarci in questo percorso verso una Cucina Evolutiva:

  1. Il primo aspetto riguarda l’idea che vogliamo immettere nella nostra cucina, l’obiettivo da raggiungere, il Valore che vogliamo esprimere attraverso la cucina, la meta fissata su cui perseverare senza fretta e senza tregua.
  2. Il secondo aspetto riguarda l’amore per la Terra, che si esprime attraverso una scelta consapevole dei prodotti che utilizziamo in cucina e facendo delle scelte ecosostenibili, ad esempio diminuendo al minimo l’utilizzo della plastica, della carta usa e getta e gli sprechi in generale.
  3. Il terzo aspetto rappresenta la creatività, ed è anche la parte più bella ed entusiasmante della cucina; quando lasciamo scorrere l’energia dei prodotti nelle nostre mani e creiamo un piatto, è una sensazione bellissima! In questa fase è importante cercare il giusto equilibrio tra l’aspetto estetico del piatto e la sua essenza, il suo sapore.
  4. Il quarto aspetto rappresenta l’armonia che deve essere sempre tutelata e garantita, sia nell’ambiente stesso della cucina, cercando di renderlo bello, pulito e luminoso, sia nei rapporti che ci sono in cucina con i colleghi o con le persone con le quali stiamo condividendo questo prezioso e importante atto di cucinare.
  5. Il quinto aspetto rappresenta lo studio e la ricerca: possiamo studiare l’alimentazione o le varie cucine del mondo, nuovi sistemi di cottura o nuovi modi di ottimizzare i consumi e l’ecosostenibilità. Lo studio può andare in tante direzioni purché sia accesa quella scintilla che ci spinge a continuare a farlo.
  6. Il sesto aspetto rappresenta l’attitudine al pensiero positivo; impregnare l’aria di positività è sempre un buon affare! Ricordiamoci sempre che il pensiero che immettiamo ha sempre degli effetti sull’ambiente che ci circonda.
  7. Il settimo aspetto rappresenta l’ordine e la pulizia che deve essere sempre presente in cucina; si, lo so, può sembrare noioso questo punto … ma vi assicuro che non c’è niente di più liberatorio del ripulire una cucina dopo aver cucinato, è come ritornare sempre su, al punto di partenza.

Seguire con cura tutti questi aspetti ci permetterà di rendere la nostra cucina uno strumento per migliorare noi stessi, offrendo agli altri un nutrimento ampio e luminoso.

Armonychef Filippo Rignanese

Share