Questo sito si avvale di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all’utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone accetto si acconsente al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.

Ogni individuo possiede due forti magneti che orientano la sua vita: la Personalità, che rappresenta il concentrato di desideri e abitudini individuali, e la Coscienza, che è essenza connessa all’umanità intera, e che ci spinge ad evolvere.
Con il termine “Coscienza”, ci si riferisce a ciò che Roberto Assagioli definisce “Sé Superiore”, ossia una dimensione che fonde la Coscienza individuale con quella Universale, un punto di pura Essenza, meta dell’evoluzione dell’Uomo nella sua connessione con l’Universo circostante.
La Coscienza di un individuo evolve, attraverso le sue esperienze, dalla dimensione fisica (fondamentale nella prima infanzia), a quella emotiva (centrale nel corso dell’adolescenza), a quella mentale (cruciale nell’età adulta), fino a coincidere con l’insieme integrato della sua personalità, costituito dall’integrazione armonica delle dimensioni fisico-eterica, emotiva e mentale.
Un concetto importante è il Punto di Integrità, che possiamo visualizzare come un punto al Centro del Chakra del Cuore, in cui la nostra natura umana si connette a quella Spirituale. In particolare Vicente Beltran Anglada evidenzia come la zona di Integrità è quel punto, “dove c'è libertà spirituale e dove la mente, che forgia tutte le illusioni temporali, ha smesso praticamente di esistere, lasciando aperti dei cancelli da dove fuoriesce interamente e senza riserve la Vita universale” (V. B. Anglada: Introduzione all’Agni Yoga, pag. 31).
La focalizzazione progressiva con il Punto di Integrità ci permette di imparare a ripudiare, gradualmente, la materia della nostra personalità, per avvicinarci sempre di più all’Essenza della Coscienza.
La conquista di questo Spazio di Integrità avviene con la progressiva resa della personalità, in particolare, della mente inferiore, che deve accettare di «perdersi nello spazio del Cuore», per imparare, gradualmente a lavorare assieme ad esso, per poi fondersi sempre più stabilmente con il Cuore e lavorare stabilmente con l’Intuizione.
Queste tappe, in cui progressivamente si perde il controllo della mente inferiore e si sviluppa il contatto con la Coscienza sono accompagnate da sentimenti di pace e di integrità, in cui ci si sente un frammento di Infinito.
Per la conquista dello Spazio di Integrità, il processo di Discriminazione del Cuore è fondamentale: il Cuore può operare questa discriminazione solo se resta aperto ed accetta il dolore che una determinata situazione può generare, al di là del semplice concetto di «giustizia» della mente inferiore, per la quale ogni sofferenza è ingiusta, cioè inutile e non accettabile.